Come fare una pizza fragrante e ben lievitata!

#ioresto a casa ma ci mancano le pizzerie! Nonostante ci sia chiaro che fare la pizza in casa ha, tutto sommato, un costo esiguo rispetto ad andarla a mangiare fuori (considerando anche la farcitura, infatti, 1kg di pizza fatta in casa non arriva a costare nemmeno 10 euro volendo tenerci larghi), quello che ci manca in realtà è il coccolarci con la meritatissima uscita serale. Però, in attesa di tempi migliori, potremo pur saper (per forza di cose) rinunciare alle pizzerie ma mai potremmo fare a meno della pizza. È caccia al lievito di birra e a Milano, mi raccontava la mia amica Sarah, non si trova più nemmeno la farina con tanto di avviso attivo in quasi tutti i supermercati indicante “non più di un pacco a testa”. Io mi ero portata un po’ avanti, a fine febbraio, prima della grande restrizione, avevo comprato un pacco di 5kg di farina, ci dovrei stare comoda per questi giorni. Il risultato dell’impasto indicato qui di seguito dopo una lievitazione durata 20 ore, è una pizza croccante, fragrante, di quelle che il giorno dopo potrebbero essersi ammosciate ma basta ripassarla un attimo in padella per farle riacquisire croccantezza. Se anche tu sei un fan della pizza fatta così…allora sei pronto per tuffare le mani nella pasta…

Ingredienti

  • 500 gr  di farina
  • 400 gr di acqua a temperatura ambiente
  • 1/2 bicchiere di olio extravergine di oliva
  • 1/2 panetto di lievito di birra (cioè 12.5 gr)
  • 1 pizzico di sale
  • 1 cucchiaio di zucchero

Preparazione

  • in un bicchiero metti il lievito di birra insieme allo zucchero. Mescola con un cucchiaino, il lievito diventerà liquido
  • in una ciotola metti la farina e aggiungici l’olio, il lievito, l’acqua poco a poco
  • impasta con la frusta a gancio della tua planetaria o del tuo sbattirore
  • una volta amalgamato il tutto aggiungi il sale e impasta di nuovo
  • a questo punto copri la ciotola con un canovaccio, fai passare 15 minuti e poi rimpasta di nuovo con la frusta a gancio per circa due minuti
  • ripeti questo passaggio per un’altra volta
  • a questo punto, ho fatto lievitare l’impasto per tre ore a temperatura ambiente e poi l’ho trasferito in frigorifero
  • in tutta ha lievitato 22 ore, la pizza era prevista per pranzo. Quando parliamo di lievitati (come mi ha insegnato Tiziana Gabrielli Special Guest del blog di Marzo 2019) che vuoi far lievitare a lungo, il conteggio delle ore lo devi fare a ristroso. Quindi per averla pronta da infornare alle 13 del giorno dopo ho iniziato a lavoralra alle 15 del giorno prima.

Riassumendo, le ore di lievitazione sono state:

  • 3 a temperatura ambiente
  • 15 in frigorifero
  • 4 a temperatura ambiente

Con lo stesso impasto, non ho saputo rinunciare, ci ho fatto delle montanarine che ho condito alcune con pomodoro e mozzarella, alcune con lo zucchero. Le avevo già fatte, te ne avevo già parlato qui  e sono sempre irresistibili.

Buon Appetito! Andrà benissimo e mangerai sicuramente a quattro ganasce!